Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Arci Bergamo | 20 June 2024

Scroll to top

Top

COMUNICATO 11MAGGIO2023

COMUNICATO 11MAGGIO2023

| On 11, Mag 2023

Bergamo, 11.05.2023

In merito all’iniziativa “un altro coraggio – sessualità relazioni discriminazioni” promossa e organizzata per Sabato 20 Maggio da Arci UISP Osio Sopra, sono sorte alcune questioni che richiedono un chiarimento pubblico.Anzitutto è bene sottolineare come ogni circolo del territorio goda di piena autonomia nella realizzazione di iniziative ed attività sul territorio.

È altresì bene ricordare che Arci opera secondo i principi espressi nello statuto nazionale (https://www.arci.it/documento/statuto-arci-aps/), cercando sempre di garantire una pluralità di espressione che consenta un dialogo aperto e costruttivo. D’altra parte all’interno degli stessi organismi Arci persistono dubbi e divergenze di opinioni su alcune tematiche che talvolta possono risultare complesse.

Così l’invito a portare i saluti sul palco dell’iniziativa di Osio da parte del nostro rappresentante provinciale (il presidente Roberto Mazzetti), inizialmente previsto e annunciato, è diventato oggetto di un dibattito interno al Direttivo Provinciale che ha portato ad un cambio di rotta.Portare i saluti comporterebbe infatti una semplice presenza istituzionale, che non consentirebbe alcun confronto attivo.

L’intervento (inizialmente nemmeno previsto) della presidente di ArciLesbica Cristina Gramolini, deve invece fare i conti con la forte posizione assunta da Arci e Arci Gay nel Marzo 2023 nei confronti delle sue esternazioni (https://www.arcigay.it/…/identita-di-genere-arci-e…/…).

Ecco perché i saluti dal palco del Presidente provinciale Mazzetti, così come del Presidente regionale Massimo Cortesi, NON sono più previsti.L’iniziativa in questione prevede però un dibattito aperto e consente interventi diretti, ecco perché alcuni membri del comitato provinciale assisteranno comunque all’incontro tra il pubblico, cercando di incentivare un confronto aperto e civile.

D’altra parte è solo attraverso il confronto tra posizioni differenti, a volte anche distanti, che ci si può avvicinare a tematiche delicate e complesse, con l’obiettivo, attraverso la conoscenza e la riflessione, di creare convivenze rispettose, integrate e felici, non nutrite da paure e pensieri divisivi.

In conclusione auspichiamo di proseguire nel tempo questo dibattito sia internamente che esternamente al mondo Arci, per accrescere la consapevolezza di tuttu riguardo le tematiche di genere nella loro complessità.

ARCI BERGAMO